Sharon Kihara, un’esotica divinità della Tribal Fusion

Sharon Kihara è un’indiscussa star internazionale, con quel suo aspetto da esotica divinità che ha qualcosa di impenetrabile, la sua maestria perfetta sul palcoscenico, la sua tecnica impeccabile nell’arte della Tribal Fusion. Eppure Sharon è anche una persona dolce, alla mano, fuori da qualsiasi pericolo di divismo: così l’abbiamo conosciuta noi, la mattina del suo arrivo a Roma, per partecipare a Marhaba! Festival. E ne abbiamo subito approfittato per farle qualche domanda, e conoscerla più da vicino… ecco cosa ci ha raccontato:
Sharon ha incontrato la danza a tre anni; ovviamente, a quell’età, i suoi genitori hanno deciso per lei “la odiavo, ma poi… mi divertivo un sacco!” Ha iniziato con la danza classica, poi con la contemporanea, e infine ha incontrato la danza orientale, vent’anni fa, ed è stato amore a prima vista!

Sharon Kihara @Marhaba! Festival in Rome

Sharon Kihara at Marhaba Belly Dance Festival in Rome 2012

Sharon racconta che ha conosciuto anzitutto lo stile dell’American Cabaret, molto diffuso sulla West Coast: negli anni Sessanta e Settanta infatti molti artisti sono arrivati negli USA dall’Egitto, e hanno iniziato a esibirsi e a insegnare danza orientale, dando vita a un vero e proprio stile.



Nel 1997 Sharon Kihara incontra la Tribal Bellydance a San Francisco, ed è proprio in questa comunità tribal che Sharon si sente a suo agio: “Ho trovato casa là… avevamo molte cose in comune: un’idea un po’ underground della danza, il fatto di essere tatuate…”
Da lì ha inizio un percorso che porterà Sharon ad avvicinarsi alla Tribal Fusion¸ stile che più di ogni altro la conquisterà per l’assoluta libertà che permette alla danzatrice: “Sentivo di poter mettere nella mia danza tutto il background che avevo acquisito negli anni, senza avere il dubbio, la paura di offendere una tradizione in particolare, una cultura antica e rispettabile”. 

Sharon Kihara Tribal Fusion Artist

Sharon Kihara at Marhaba! 7

Dovendo indicare due insegnanti, due personaggi che, più di tutti, hanno influenzato la sua danza, Sharon esita un po’ e poi risponde: Jillina e Aziza. Con Jillina, Sharon ha in comune due esperienze fondamentali della sua carriera di danzatrice: quella del gruppo Bellydance Superstars, di cui entra a far parte alla fine del 2003, e quella di Bellydance Evolution, il grande show ideato e diretto da Jillina, a cui Sharon partecipa dal 2010.



Per finire, chiediamo a Sharon Kihara come definirebbe la sua danza oggi: “Premesso che, probabilmente, darei una risposta diversa a seconda del momento in cui mi viene fatta la domanda, perché la mia danza è in continua evoluzione… direi che oggi la mia danza è una Avant-garde Fusion Bellydance: non ho tanto i movimenti ma piuttosto gli atteggiamenti, la disciplina della danza orientale.

Sharon Kihara Tribal Fusion Dancer

Sharon Kihara Tribal Fusion at Noujoum Gala – Marhaba! 7

Ultimamente mi sono ispirata molto anche al teatro giapponese Butoh: è stata una vera rivoluzione per me, nell’aprirmi la mente su cosa è la danza. E comunque, lo ribadisco, tutto ciò che metto nella mia danza, è sempre nel rispetto delle culture a cui mi ispiro, senza offendere nessuna tradizione.”


Leave a Reply

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *